Wanda Ferro sul riordino delle province

Wanda Ferro
Wanda Ferro

“Se si vogliono dare ai cittadini informazioni corrette e rispettose della realtà dei fatti rispetto alla questione del riordino delle Province, evitando sterili polemiche - dichiara la consigliera regionale Wanda Ferro - bisogna innanzitutto porre fine alla consuetudine di scaricare le responsabilità sulle eredità del passato, tenuto conto che Oliverio è alla guida della Regione Calabria da più di due anni. In questo periodo la Regione ha solo alimentato lo stato di confusione producendo una legge monca, la LR 14/15, che, lungi dal tracciare una riforma risolutiva della materia, ha introdotto soltanto qualche disposizione urgente, rinviando, per il resto, ad un successivo provvedimento legislativo da adottare entro il termine perentorio del 31 dicembre 2015, ad oggi non approvato né sottoposto all’esame del Consiglio regionale. Spiace dover prendere atto - prosegue Ferro - che a distanza di quasi due anni dalla legge regionale, approvata sulla base di un disegno di legge della Giunta regionale, si ammetta candidamente che il trasferimento delle risorse finanziarie, strumentali e patrimoniali è ancora in corso di completamento con i tavoli tecnici bilaterali. La politica - stigmatizza la consigliera - non può scaricare le responsabilità sui dirigenti. Rimane la magra consolazione che anche la Giunta regionale condivide che il Governo ha legiferato in maniera irresponsabile, dando per scontato il successo della riforma costituzionale che prevedeva l’abrogazione delle Province, e la necessità che, a livello nazionale - sottolinea l’esponente politico - il Governo dovrà dire cosa si vuole fare delle Province dopo l’esito negativo del referendum costituzionale. Se è vero che le Regioni italiane hanno intenzione di aprire a livello nazionale un contenzioso con il Governo per ottenere le risorse finanziarie che prima venivano date alle Province e che oggi sarebbero trattenute a Roma, la Giunta regionale adotti ogni provvedimento utile e necessario perché, una volta tanto, la Calabria si distingua per essere la prima Regione italiana ad aprire un contenzioso con il Governo nazionale affinché le risorse finanziarie siano riversate a beneficio delle Regioni che sono state chiamate a svolgere le funzioni delle Province” - rilancia Wanda Ferro.
“Noi ci saremo, responsabilmente e nell’interesse dei cittadini calabresi. Saremo a fianco della Giunta regionale in una battaglia di civiltà finalizzata ad ottenere le risorse finanziarie per garantire i servizi essenziali ai cittadini calabresi. Ma non vorrei essere costretta a prendere atto che, invece, a tirarsi indietro - conclude Wanda Ferro - sarà proprio la Giunta regionale guidata dal presidente Oliverio, che continua ad esercitarsi nell’attività di equilibrista nella guerra del PD contro il PD”.

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
13 marzo 2017


condividi

googleplus twitter

Copertina