Un biancone nell'area delle valle cupe

Un intrepido Biancone dalla meravigliosa apertura alare è stato avvistato dalla spettacolare balconata che s’incontra lungo il percorso diretto al canyon delle Valli Cupe. A intercettarlo è stato l’esperto ornitologo Mimmo Bevacqua. Il Biancone, raro in Calabria, si nutre soprattutto di serpenti ed è più grande della comune poiana e più simile nella struttura a un'aquila. Amante dei climi temperati e degli ambienti mediterranei ricoperti da arbusti e aree aperte, il Biancone è un uccello migratore che sverna in Africa o India per le popolazioni asiatiche e torna sui cieli d’Europa con l’arrivo della primavera. La specie è classificata come “sicura” nell’Unione europea, ma con stato di conservazione meno favorevole a livello continentale. Ha conosciuto un grave declino, in buona parte dell’areale europeo, tra il XIX e il XX secolo, soprattutto nell’Europa centrale. Stabile negli ultimi 30-40 anni, la popolazione europea di Biancone consiste attualmente di circa 5.400-7.500 coppie, tra un quarto e la metà, a seconda delle stime, della popolazione continentale complessiva. Solo 350-400 coppie nidificano stabilmente in Italia. Nell’area Valli Cupe, insieme al Biancone, volteggiavano i corvi imperiali, il falco pellegrino (l’animale più veloce al mondo), il gheppio, la poiana e lo sparviero.

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
15 marzo 2018


condividi

googleplus twitter

In Evidenza