Politiche sociali, Comune di Catanzaro: scade il 31 agosto il bando per famiglie a basso reddito

Il limite massimo, riferito al 2010 e calcolato in base all’ISEE, è stato fissato dalla Conferenza dei Sindaci dei due Distretti, svoltasi il 30 marzo scorso, ad € 10.000,00

Comune di Catanzaro
Comune di Catanzaro

L’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Catanzaro, Fulvio Scarpino, ha pubblicato il bando relativo alla concessione del beneficio economico in favore dei nuclei familiari  con basso e bassissimo reddito con quattro o più figli (compresi bambini in affido) per la fruizione dei servizi essenziali. Servizi che vengono così catalogati: energia elettrica, gas, acqua potabile, utenze telefoniche fisse, trasporti locali, frequenza scolastica, accesso alle strutture sportive, culturali e ricreative,frequenza a corsi di specializzazione e per l’arricchimento culturale e professionale, trasporto disabili e servizi socio – educativi di supporto alle famiglie per il sostegno della funzione genitoriale.

 

A darne notizia - mediante un comunicato stampa ufficiale - è lo stesso assessore Scarpino, il quale, ha spiegato come  l’aiuto economico “si rende possibile grazie al finanziamento concesso dalla Regione Calabria al Comune di Catanzaro, in qualità di ente capofila dei 31 Comuni dei Distretti  – Sanitari di Catanzaro e di Catanzaro Lido. Trecentonovanta nuclei familiari, censiti tramite i Servizi anagrafici dell’Amministrazione comunale ha aggiunto Scarpino -  sono già stati informati con comunicazione ufficiale da parte  degli Uffici del Settore, il bando ha lo scopo di dare ampia pubblicizzazione al servizio e di evitare possibili dimenticanze, in una logica di trasparenza e di efficienza che deve caratterizzare la Pubblica Amministrazione”.

 

Il limite massimo di reddito, riferito all’anno 2010 e calcolato in base all’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), è stato fissato dalla Conferenza dei Sindaci dei due Distretti, svoltasi  il 30 marzo scorso, ad € 10.000,00. Due le fasce di reddito previste: da € 0 ad €  6.500,00 e da € 6.500,00 ad € 10.000,00. L’entità del contributo da concedere non sarà inferiore a € 150,00. Per accedere al beneficio,gli interessati, dovranno presentare richiesta su modello appositamente predisposto, specificando la tipologia dell’intervento ed allegando modello ISEE relativo all’anno 2010 e la documentazione attestante le spese sostenute, in originale o in copia autentica. La domanda dovrà essere presentata al Settore Politiche Sociali, sito in Via Fontana Vecchia n. 50, entro e non oltre il 31 agosto 2011. Gli uffici sono a disposizione il  lunedì e mercoledì, dalle ore 10:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:30 alle ore 17:00 e il venerdì  dalle ore 10:00 alle ore 12:00.

 

Saranno esclusi dalla concessione dell’aiuto economico tutti i nuclei familiari che hanno occupato abusivamente alloggi popolari, per cui si trovano nei confronti dell’Amministrazione comunale in una posizione di irregolarità e di illegittimità. Tutti coloro che intendono ricevere ulteriori informazioni possono rivolgersi al dott. Leonardo Melito, responsabile del procedimento e funzionario di area sociale del Settore Politiche Sociali, anche telefonicamente al numero 0961/881508.

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

 

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
18 agosto 2011



condividi

googleplus twitter

Primo Piano