Patto Calabria, tavolo di lavoro con De Vincenti e Oliverio

Riunione operativa alla Cittadella con il Ministro per la coesione territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti  ed il Presidente della Regione Mario Oliverio.
L'incontro, al quale hanno partecipato anche alcuni dirigenti del Ministero e della Regione, è servito per fare il punto sull'attuazione del Patto per la Calabria.
“Complessivamente – ha dichiarato De Vincenti - abbiamo stabilito una serie di passaggi fondamentali per accelerare le attività ed avere a disposizione maggiori risorse. In particolare, abbiamo verificato che alcune cose sono già partite. Mi riferisco, ai lavori su alcune strutture idriche come, ad esempio, la  diga del Menta. Sono stati avviati anche i lavori in alcune scuole per la messa in sicurezza dal rischio sismico e sono in fase di avvio  bandi di gara per una serie di opere che riguarderanno le bonifiche, la riqualificazione degli edifici scolastici e il rischio idrogeologico. Nello specifico – ha annunciato il Ministro –abbiamo concordato con il Presidente Oliverio l'avvio di una procedura per mettere in capo al Presidente stesso, come commissario del rischio idrogeologico, tutte le risorse relative a questo settore”. Sul tavolo del confronto anche le questioni portuali e aeroportuali, le politiche industriali per il settore dell'agroalimentare e del turismo, la Zes (zona economia speciale) di Gioia Tauro. “Nel Patto – ha spiegato De Vincenti – sono previste le infrastrutture nodali anche sul sitema portuale e il punto chiave aeroportuale è stato in parte risolto con l'aggiudicazione della concessione per Crotone e per Reggio Calabria. Per quanto riguarda le rotte della città dei Bronzi,  il Presidente Oliverio e il Sindaco Falcomatà hanno fortemente sensibilizzato il Governo il quale è impegnato a trovare tutte le soluzioni per non far cessare un servizio necessario per lo sviluppo della città e della Calabria. Per quanto riguarda, invece, l'Agenzia per il lavoro di Gioa Tauro, posso dire, che partirà nelle prossime settimane e, comunque, necessariamente entro l'estate, per mettere in sicurezza i lavoratori. Il Patto per la Calabria – ha ricordato il Ministro  – prevede un impegno di spesa di quasi 5 miliardi di euro e attualmente l'attivazione viaggia intorno alla decina di milioni di euro. Naturalmente è un programma molto impegnativo e dovremmo accelerare i tempi. Perciò – ha detto infine il Ministro De Vincenti - ci siamo dati appuntamento per il prossimo mese di maggio per fare un'ulteriore verifica sui risultati raggiunti”.
“Ringrazio  il Ministro De Vincenti – ha esordito il Presidente Oliverio - perché questo metodo di lavoro non è solo un metodo operativo ma dimostra che c’è una attenzione concreta del Governo. Il Ministro del Mezzogiorno sta facendo verifiche concrete, un monitoraggio che è sicuramente virtuoso per tutto il Meridione. Devo dire che De Vincenti è venuto qui il 12 gennaio, oggi ritorna, ha annunciato un altro ritorno a maggio proprio a significare che i programmi che sono stati definiti e le risorse destinate alla nostra regione sono fondi reali che vengono impegnate per l’apertura di cantieri. Abbiamo avviato,  come il Ministro ha evidenziato, un lavoro importante. In Calabria, in modo particolare, abbiamo costituito una cabina di regia per il monitoraggio della realizzazione delle opere previste nel Patto con le forze sociali, le organizzazioni sindacali e datoriali di lavoro. Il lavoro concertato,  questa sinergia, è un fattore importante perché si aprano i cantieri, perché le opere programmate possano creare occasioni ed  opportunità di lavoro. Nella programmazione che è stata definita attraverso il Patto – ha concluso Oliverio -  ci sono opere importanti,  obiettivi importanti per la crescita e lo sviluppo della nostra regione”. 

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
15 marzo 2017


condividi

googleplus twitter

Copertina