Confgricoltura, convegno alla CCIAA Catanzaro “L’importanza del latte e della sua filiera”

Oggi alla Camera di Commercio di Catanzaro si è parlato di latte: dalla produzione alla valenza nutrizionale di uno degli alimenti basilari dell’alimentazione di adulti e bambini. Tra gli intervenuti anche il Presidente di Confagricoltura Catanzaro Walter Placida.

Il primo amore non si scorda mai. È questo lo slogan con il quale questa mattina si è aperto l’incontro dal titolo “L’importanza del latte e della sua filiera”, tenutosi nella Sala Convegni della Camera di Commercio di Catanzaro. L’appuntamento, che si è svolto nell’ambito del progetto “Latte nelle Scuole” voluto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, è stato organizzato in collaborazione con Unioncamere, Camera di Commercio, Provincia e Comune di Catanzaro e vi hanno preso parte il Presidente della Camera di Commercio Daniele Rossi, l’assessore comunale Alessandra Lobello, il segretario generale della Camera di Commercio Maurizio Ferrara, il Presidente di Confagricoltura Catanzaro W alter Placida, Alberto Statti in qualità di titolare dell’azienda omonima, la dietista Stefania Moio e la referente U.S.R.

Calabria per l’educazione alla salute e alimentare Miriam Scarpino. Nel suo intervento Placida ha parlato di come il comparto lattiero caseario rappresenti una fetta importante dell’economia della provincia catanzarese; è qui che operano, infatti, due delle più importanti realtà produttive riconosciute a livello nazionale, le aziende Statti e Saraceno. E non solo: «Quello del latte è uno dei settori che meglio mantiene lo status occupazionale dal momento che non è per nulla soggetto a stagionalità, ed ha dimostrato di essere uno degli ambiti tra i più innovativi del comparto agroalimentare per ciò che riguarda investimenti e nuove tecnologie.

In Calabria si produce una grande quantità di latte fresco tant’è vero che, se si riuscisse ad incrementare il sistema di lavorazione di latticini e co., probabilmente questo settore avrebbe una crescita maggiore dal punto di vista del pil all’interno del comparto».

Per concludere: «Il latte calabrese è riconosciuto come qualitativamente eccellente, controllatissimo e gli allevatori locali investono molto sul benessere degli animali, cosa che è direttamente proporzionale alla riuscita di un prodotto ottimo».

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
14 maggio 2018


condividi

googleplus twitter

Copertina