Italia-Asia, Calenda: opportunitą commerciali per PMI

 Italia e Indonesia hanno ampi spazi di collaborazione; esistono opportunità commerciali concrete per le imprese italiane di creare partnership su misura nell’area; i settori trainanti sono quelli delle infrastrutture, dell’agroalimentare e dell’energia. Sono i dossier principali affrontati dal Ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, nel corso della visita istituzionale di due giorni in Indonesia. La missione, iniziata ieri con l’apertura della prima edizione del High Level Dialogue on ASEAN Italy Economic Relations, è proseguita oggi a Giakarta con una serie di incontri bilaterali.

 

In particolare, il Ministro Calenda ha incontrato, questa mattina, il Ministro della Giustizia e dei Diritti Umani, Yasonna Laoly. Al centro dei colloqui i temi relativi alla proprietà intellettuale, alla tutela dei marchi ed alla lotta alla contraffazione. 

 

Cyber Security, space economy, smart cities e comunicazione satellitare sono stati i temi al centro dell’incontro con il Ministro delle Comunicazioni e Tecnologie informatiche, Rudiantara. Sul punto entrambi i ministri hanno convenuto sull’opportunità e la disponibilità ad individuare possibili forme di collaborazione per il trasferimento in Indonesia di tecnologia e know how italiano.

 

Sul fronte energetico, infine, nel corso del bilaterale tra Calenda e il Vice Ministro Arcandra Tahar, è stato firmato un Memorandum di intesa in materia di cooperazione energetica. Il faccia a faccia ha avuto ad oggetto, inoltre, il tema delle rinnovabili. Il Ministro ha ricordato come l’Italia sia oggi il primo paese in Europa per capacità a generare energia da fonti geotermiche aggiungendo – al tempo stesso - che  le imprese italiane in questo settore vantano un  know how riconosciuto a livello internazionale, in special modo nello sviluppo di tecnologie a basso impatto ambientale.

 


 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
16 maggio 2017


condividi

googleplus twitter

Copertina