Nasce la Linea Ferroviaria della Magna Graecia

Si è tenuta  a Taranto una riunione tra gli assessori regionali competenti in tema di trasporto ferroviario delle Regioni Puglia, Basilicata e Calabria per discutere della proposta di organizzare servizi interregionali nella tratta ferroviaria compresa tra Sibari e Taranto.
Erano presenti gli assessori Antonio Nunziante (Regione Puglia), Nicola Benedetto (Regione Basilicata) e Roberto Musmanno (Regione Calabria).
Nel corso della riunione è stata illustrata una proposta di potenziamento del servizio ferroviario lungo tale linea, oggi esercito prevalentemente con autobus sostitutivi, a partire da un’offerta di servizi proposti da Trenitalia.
Tale offerta è stata elaborata da Trenitalia e illustrata dall’Amministratore Delegato di Trenitalia, Orazio Iacono, nel corso di un precedente incontro svoltosi a Roma il 12 ottobre scorso  alla presenza dei deputati Cosimo Latronico e Enza Bruno Bossio, nonché dell’assessore Musmanno.
L’incontro a Taranto, che ha visto anche la partecipazione degli onorevoli Cosimo Latronico e Ludovico Vico, ha avuto lo scopo di verificare preliminarmente l’interesse di tutte le regioni coinvolte a discutere dei servizi su tale linea.
E’ stata condivisa l’esigenza di elaborare una soluzione più articolata e dettagliata, che sia in grado di meglio cogliere le esigenze di mobilità di un territorio, non trascurando anche le potenzialità che un servizio di mobilità turistica potrebbe offrire a tutti i territori interessati.
In particolare, su proposta della Regione Calabria, è stata discussa e approvata l’idea di proporre ufficialmente un progetto di marketing strategico congiunto che preveda, tra l’altro, la denominazione della linea ferroviaria jonica come “linea ferroviaria Magna Graecia”. La richiesta sarà avanzata congiuntamente al Ministero delle Infrastrutture e al gruppo Ferrovie dello Stato dai tre governi regionali.

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
14 novembre 2017


condividi

googleplus twitter

Copertina