Lavoro, Coldiretti: per 3 giovani su 4 serve raccomandazione

Da food delivery a dog sitter, flessibilitą e sacrifici millennials contro disoccupazione

Tre giovani under 35 su quattro (72%) hanno amici parenti e conoscenti che hanno trovato lavoro grazie alle raccomandazioni, che gli scandali e le difficoltà economiche non hanno fatto venir meno. E’ quanto emerge da una analisi Coldiretti/Ixe’ divulgata in occasione della diffusione dei dati Istat sul lavoro che certificano il calo della disoccupazione al minimo da 4 anni.

La classica raccomandazione – sottolinea la Coldiretti - si è evoluta dalla classica lettera formale in modalità piu’ discrete ma è ritenuto essere il canale piu’ utile per “sistemarsi” anche dalle giovani generazioni. Una certezza che – continua la Coldiretti - non scoraggia i giovani italiani in cerca di occupazione che nell’ultimo anno hanno presentato in media 14 “curriculum” in diverse forme, dai siti web delle aziende a quelli specializzati, dal social network alle agenzie fino al passaparola.

A far calare la disoccupazione è certamente anche la grande flessibilità con più di un giovane senza lavoro su due (56%) che accetterebbe un posto da spazzino mentre poco più della metà (51%) punterebbe a un lavoro nella food delivery (consegna di cibo a domicilio) e un 50% farebbe il dog sitter, che si piazza ben davanti a pony express (39%) e operatore di call center (37%) mentre solo uno su quattro (24%) vorrebbe fare il badante.

Per inseguire il miraggio di un lavoro – continua la Coldiretti - c’è anche chi è disposto a rinunciare ad affetti, ambizioni o tutele, magari cambiando città (46 per cento), accettando uno stipendio di 500 euro al mese (lo farebbe il 25%), ma anche facendo un lavoro completamente diverso rispetto all’obiettivo (48%) o addirittura rimettendosi a studiare (32%).  In questo ambito – prosegue Coldiretti – 3 giovani su 4 hanno già avuto esperienze lavorative multiple per una media di quasi 4 lavori già cambiati, che salgono a 5 se si considera la fascia tra i 30 e i 34 anni. Lo spirito di intraprendenza emerge anche dal fatto che nell’arco degli ultimi quattro anni sono praticamente raddoppiati i giovani che vogliono investire in attività imprenditoriali che rappresentano ben il 9 % del totale. Un fenomeno che - conclude la Coldiretti-  interessa particolarmente le campagne dove nel 2017 sono salite a55.121 le aziende agricole italiane condotte da under 35.
 

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
13 marzo 2018


condividi

googleplus twitter

Copertina