La Senatrice Doris Lo Moro incantata dalla Valli Cupe

 “Sono paesaggi straordinari che almeno una volta nella vita tutti dovrebbero visitare. Il Canyon, poi, appare come una  lussureggiante scenografia da utilizzare anche per buone   produzioni cinematografiche”. L’ha detto la senatrice Doris Lo Moro, che, a proposito della nomina a direttore della Riserva del  botanico Carmine Lupia, ha detto: “La persona giusta al posto giusto. Ora lo si lasci lavorare. E si lasci che la Riserva si organizzi liberamente e consegua, in piena autonomia,  gli obiettivi contenuti nella legge, senza interferenze politiche. Anzi, è auspicabile che  la politica, e nel caso specifico la Regione, che approvando la legge ha dato prova di attenzione ad una realtà naturalistica cosi importante, si disponga nel migliore dei modi per sostenere la Riserva, affinché diventi la prima ‘green community’ della Calabria, come ha segnalato Legambiente”.  La senatrice, accompagnata da Lupia, si è inoltrata per un tratto nel canyon Valli Cupe alle pendici meridionali del Monte Crozze: “Quest’esperienza naturalistica nata dal basso - ha aggiunto - può essere il simbolo di una Calabria che, per riscattarsi dalla precarietà economica e sociale, non aspetta la manna dal cielo; ma, contando sulle proprie forze e lavorando sodo, come hanno fatto finora i giovani della cooperativa Segreti Mediterranei, s’ingegna per fare crescita e sviluppo, valorizzando i propri giacimenti ambientali e culturali”. Lupia, dal canto suo, ha ringraziato la senatrice Lo Moro “per la vicinanza, l’affetto  e il sostegno che ha sempre dimostrato alla nostra esperienza che finalmente, grazie alla legge approvata all’unanimità dal  Consiglio regionale, ha l’occasione storica di affrontare e vincere le sfide della tutela dei nostri paesaggi creando sviluppo e indotto in più settori”.    

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
30 aprile 2017


condividi

googleplus twitter

In Evidenza