indagato governatore Oliverio, Granato (M5s) gli chiede di chiarire i fatti in Consiglio regionale

«Il governatore Mario Oliverio ha il dovere morale e politico di chiarire all'opinione pubblica, in relazione all'abuso di ufficio che la Procura di Catanzaro gli contesta per il distacco di un dipendente pubblico presso l’azienda regionale Calabria Verde». Lo afferma, in una nota, la senatrice M5s Bianca Laura Granato, commentando la notizia dell'inchiesta che riguarda il presidente della Regione Calabria. «Calabria Verde – prosegue la parlamentare 5stelle – è diventata una polveriera. Dall'informazione apprendiamo che le indagini delle Procure di Castrovillari e Catanzaro ipotizzano un sistema gestionale di abusi, addirittura con presunte ingerenze e influenze del potere regionale, dal capo di gabinetto della Presidenza allo stesso governatore Oliverio». «Per questo motivo – incalza la senatrice M5s – Oliverio ha l'obbligo di chiarire i fatti, intanto in Consiglio regionale. È una questione politica, prima che penale. La giustizia farà il suo corso, ma nel frattempo Oliverio non può trincerarsi dietro a pretesti inaccettabili ed evitare di uscire allo scoperto». «Sarebbero – conclude Granato – pesantemente contraddittori, in caso di silenzio, i frequenti moniti del presidente della Regione sulla legalità e sulla gestione trasparente della cosa pubblica».

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
7 maggio 2018


condividi

googleplus twitter

In Evidenza