Con Armonie d'Arte Festival il 7, 10, 18 luglio e altre date ancora continua la magia al Parco Scolacium

 Prosegue la straordinaria programmazione di Armonie d’Arte Festival 2017 al Parco Archeologico di Scolacium. Il Festival, ideato e diretto da Chiara Giordano, è dedicato quest’anno a DUETS – “il dialogo è il sommo bene”, dunque tutta la stagione è incentrata sul tema e il valore del duo, del doppio, esemplificato dal susseguirsi in cartellone di incontri e confronti di altissimo profilo fra linguaggi, stili, forme espressive che, appunto, dialogano in armonia liberando forti e creative suggestioni nella magia di un luogo senza tempo.

 

Dopo i 2Cellos, alto esempio di dualità resa nella capacità dei due artisti di utilizzare uno strumento classico per eccellenza come il violoncello in chiave assolutamente contemporanea, catturando un pubblico eterogeneo per gusti ed età, è ora la volta sempre per il Focus dedicato al Sound internazionale, del dialogo fra star del pianismo jazz. Chucho Valdés e Gonzalo Rubalcaba, due musicisti che hanno fatto la storia del jazz cubano, si esibiranno a Scolacium martedì 18 luglio, con Trance, uno spettacolo che in Italia avrà due sole date: una quella di Armonie d’Arte Festival e l’altra UmbriaJazz. Trance è un progetto a due piani che riunisce i principali esponenti viventi di due generazioni nella grande tradizione del pianoforte cubano. Come suggerisce il titolo, Trance è una collaborazione che parla di una profonda connessione con le forze spirituali che scorrono attraverso le molte lingue della musica. Ma il titolo allude anche alla conversazione musicale tra due giocatori e compositori brillanti uniti da una grande amicizia.

 

Chucho Valdes è semplicemente uno dei più influenti artisti cubani di sempre, nonché grande interprete della musica latina. Fondatore e leader degli storici Irakere, di cui recentemente è stato festeggiato il quarantesimo anniversario, ha ridefinito, non solo con Irakere ma anche con le altre band da lui formate e guidate successivamente, i tratti identitari della musica cubana degli ultimi anni introducendovi afro-jazz, rock, tradizioni popolari. Gonzalo Rubalcaba è di una generazione più giovane (è nato nel 1963 nell’Avana del dopo rivoluzione) ed ha alle spalle una eccellente formazione classica (diploma di composizione all’Istituto  di belle arti dell’Avana) ma nello stesso tempo ha assorbito fin da ragazzo il folclore caraibico ed il jazz americano. Da qui, una straordinaria abilità nel far coesistere ritmo e melodia che ha conquistato verso la metà degli anni ‘80 grandi jazzmen come Dizzy Gillespie e Charlie Haden ed il presidente di Blue Note, Bruce Lundvall. Era nata una stella.

 

Ma la magia di Scolacium fino al 18 luglio prosegue anche con altri preziosi appuntamenti: come già annunciato venerdì 7 luglio primo appuntamento di prosa della stagione ​2017 ​con “L'Italia è fatta - scherzo tragicomico garibaldino” di e con Loris Seghizzi e Roberto Kirtan Romagnoli. Un lavoro sorprendente, un attore istrione, ​due eclettici musicisti polistrumentisti alla ricerca del vero volto di Garibaldi, alla ricerca di una risposta per la domanda: chi è davvero Garibaldi? Un eroe o un folle visionario? Un comandante o un mandato? Giusto o sbagliato? Venerdì 7 ascolteremo delle possibili risposte.

 

Mentre lunedì 10 luglio h. 19.00 sarà la volta dell’inaugurazione di una spettacolare installazione e mostra di e con Cornelia Krafft, artista internazionale di forte sensibilità e raffinatezza che, per Armonie d’Arte Festival, interpreta il mito greco di Athena e la Cornacchia, profondamente caratterizzante Parco Scolacium anche per l’attuale singolare presenza di questi uccelli, certamente non passata inosservata ai suoi tanti frequentatori. Per la prima volta raccontato attraverso un linguaggio così innovativo come la video-installazione grazie all’estro della Krafft, il mito della dea dell’Olimpo e della principessa Cheronea trasformata in Cornacchia, rivivrà con la splendida luce che il tramonto regala a Scolacium, e l'opera dell’artista prenderà vita con grande poesia e originalità narrando un giorno immaginario dei tempi antichi a Scolacium, con i protagonisti di una storia sempre suggestiva, sospesa fra mito e realtà, di ieri e di oggi. L’appuntamento prevede la presentazione del video e degli oggetti in mostra nati dalla residenza artistica di Krafft, che forniranno l’originale lettura del luogo, della sua storia, del suo paesaggio (Ingresso libero).

Infine, un altro appuntamento all’insegna della dualità, della relazione paradigmatica: quella fra genitori e figli. Arriva il Week End in Armonia con “Junior Training Family” nel Parco Archeologico di Scolacium, sito Mibact, il prossimo 8 e 9 luglio 2017 (partecipazione solo su prenotazione). L’evento prende vita grazie alla preziosa collaborazione, nell’ambito del Festival, fra Fondazione Armonie d’Arte e Fondazione Patrizio Paoletti, ente quest’ultimo riconosciuto dal MIUR per la formazione, da tempo impegnato nel campo della ricerca applicata alla pratica educativa, che con la sua equipe altamente specializzata da circa vent’anni propone alle famiglie di tutto il mondo questa straordinaria opportunità di formazione ed educazione per adulti e piccini. Per la prima volta in una location di così straordinario valore paesaggistico, monumentale e culturale del Sud Italia come Parco Scolacium, due giorni di laboratori multidisciplinari e pillole teoriche in una full immersion per grandi e piccini unica e imperdibile!

Ogni informazione e dettaglio su www.armoniedarte.com

 

STAMPA QUESTO ARTICOLO PER LA TUA RASSEGNA CARTACEA

 

Invia questo articolo ad un Amico

Quotidiano Economico Online www.calabriaeconomia.it
4 luglio 2017


condividi

googleplus twitter

In Evidenza